amministrare la cosa pubblica?

                                  Amministrare la cosa pubblica?

 

                                                 Quale cosa ?

 

         Da queste parti si pensa solamente al proprio tornaconto.

 

                                                                                                 08/08/2003

                                                                                                 16/11/2012

 

                                             Si pensava “ingenuamente” ……

                                            Non si teneva in considerazione

                                    Di andare ad intaccare interessi consolidati.

                     Si credeva ciecamente nella possibilità di un risveglio.

 

                               Ma anche il il risveglio è stato un sogno

 

n             QUESTO E’ QUANTO DENUNCIATO NEL  2003                                 ALL’APINIONE PUBBLICA.

   n                  IL RISANAMENTO IDROGEOLOGICO       

                                       DI  “GIMIGLIANO        n       

n      Ormai, crediamo di avervi abituati, nella lettura del nostro pensiero che se anche un po’ fastidioso è nostro fermo intendimento portare avanti.

n                  Il fine di tutto questo è rappresentato dalla voglia di contribuire a rilanciare un dibattito nella comunità di quanti hanno voglia stimolo di impegnarsi anche se non direttamente in un progetto di rinascita amministrativa che tenga in considerazione in primis

n      I reali bisogni della gente nel vivere quotidiano.

n                  Molto si è detto, sulla problematica del risanamento idrogeologico, molte perizie di stimabili geologi sono state prodotte, suggerimenti e consigli in tutti questi anni sono stati dati

n      da diverse fonti e diversi pensieri  sono stati espressi sulle cause e sugli effetti che il dissesto idrogeologico rappresenta a Gimigliano.

n      L’impegno politico che ne doveva scaturire era quello della massima attenzione alla problematica in discussione e cercare le soluzioni migliori per porre in essere gli strumenti onde portare a soluzione “o perlomeno provare” i continui cedimenti che tutta l’area continua a subire.

n                  Dicevamo dunque : attenzione ai suggerimenti e consigli ,studio del fenomeno, ricerca delle cause che contribuiscono ad alimentare tale fenomeno di dissesto, tutto materiale che l’attuale responsabile “Assessore ai lavori pubblici” ha avuto ha disposizione ma che incredibilmente  è volutamente ha ignorato.

n                  Le risorse economiche impegnate in alcuni progetti  che l’attuale Amministrazione ha inteso portare avanti si sono rivelate inefficaci e si badi bene “non per gli importi a disposizione” che se anche esigui sarebbero stati sufficienti a contribuire al risanamento di quanto si andava a realizzare ma per le scelte progettuali sbagliate.

Il protagonismo dell’Assessore di turno ha comportato la dilapidazione di risorse importanti  che se ben indirizzate avrebbero contribuito seppure parzialmente alla soluzione di quelle ere che seppure realizzate hanno in un certo senso peggiorato la situazione.

            Ma non ci fermiamo alla denuncia, possiamo passare anche alla proposta………..

E crediamo d’avere qualità nella ricerca di soluzioni, la qualità che intendiamo noi sta nell’ascolto, nel tenere in considerazione i diversi punti di vista  provenienti da  qualsiasi colore politico perché quando si amministra la cosa Pubblica si è al servizio della gente, non ci si serve della gente per il raggiungimento di fini personali, il fine ultimo è lavorare per la cosa comune.

      Il rilascio di continue autorizzazioni di licenze edilizie sulla parte nuova del paese seppure apprezzabili comporta sicuramente un problema che qualsiasi amministratore avrebbe dovuto porsi.

            E la domanda è…. I continui sbancamenti, i cambiamenti dei canali dove le acque per la loro naturale formazione defluivano sono stati salvaguardati?

            E se la risposta è affermativa, come mai alla prima pioggia avvengono allagamenti continui (vedi ultime richieste di danni subiti da cittadini che sono stati costretti alla sospensione persino d’attività economiche) ?

n      Come sono stati eseguiti gli ultimi lavori di convogliamento delle acque nella zona di jannuli, le ingenti  somme spese, hanno risolto il problema?

n                  E se lo hanno risolto, come mai l’acqua invece di confluire nelle tubature, continua a defluire sulla stradina tracimando successivamente nelle campagne adiacenti in maniera incontrollata?

n                  In fase progettuale chi ha avuto la brillante idea  di quantificare la portata delle tubature?

n                  Chi ha approvato il progetto, e in base a quali necessità si è optato per la posa in opera di tubazioni di circa m 1,20 di diametro fronte stazione di rifornimento Esso, per un tratto di circa m 100 e fino all’innesto nel canalone principale, se da quella parte non vi è nessuna portata d’acqua da convogliare?

n                  E come mai dal canalone principale, dove richiedeva veramente un raccordo di tubazione di grande portata si è fatta una linea con tubazioni di plastica della portata di 50 cm  di diametro?

n      L’ufficio Tecnico del Comune ha verificato i lavori?

n                  Ora cari Amministratore, fare per fare non serve a niente se quello che si fa non lo si  controlla scrupolosamente e non se ne valutano gli effetti  che a volte possono essere devastanti.                                                                                                                 

n       08/08/2003 

                                                                                                                                                                            U  CORACE  SI  RIVOTA                                                                                                                                                                                     fragiacomo valentino       

                                                                                                              16/11/2012                          

                                             DOPO NOVE ANNI                                                                                                                                                                        RISULTATO

n                                                  IO   “PROGETTO”

 n                                                 IO   “ VERIFICO”

n        n                                        IO   “ INCASSO”

                  “ Ma voi  continuate a sognare è a Dormire”

n        n          E TUTTI ZITTI …… CHE  SI  SVEGLIA IL BAMBINO

n      

amministrare la cosa pubblica?ultima modifica: 2013-11-30T23:23:38+01:00da vales04
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento